Angolo convesso e concavo

di Nicolò Tricarico tramite: O2O difficoltà: media

Molto spesso, quando ci troviamo a studiare alcuni particolari argomenti, sopratutto se riguardano materie scientifiche come la matematica o la geometria, potrebbe capitare di non riuscire a comprendere alcuni particolari argomenti. In questi casi potremo effettuare una semplice ricerca su un qualsiasi motore di ricerca su internet, per trovare molto facilmente tantissime guide che sapranno spiegarci, utilizzando termini molto semplici, tutti i vari argomenti che abbiamo difficoltà ad apprendere. Nei passi successivi, in particolare, cercheremo di capire cos'è un angoli concavo ed un angolo convesso e come fare per riuscire a disegnarli correttamente. Come potremo notare, questo argomento sarà veramente molto semplice da apprendere, per cui mettiamoci subito al lavoro.

Assicurati di avere a portata di mano: carta e matita

1 Iniziamo, disegnando su un foglio un punto e, a partire da questo, tracciamo due semirette. Chiameremo "angolo" ciascuna delle due parti delimitate dalle semirette tracciate. Il punto, invece, lo definiremo come "vertice dell'angolo" e chiameremo le due semirette come "lati" dello stesso. Tali parti vengono solitamente indicate con lettere minuscole dell'alfabeto greco, quali alfa, beta, gamma, delta, ecc.

2 Riprendiamo poi il disegno fatto precedentemente e prolunghiamo le semirette che formano i lati dell'angolo.
Definiremo, quindi, convesso, l'angolo che non contiene il prolungamento dei suoi lati, mentre nomineremo concavo l'angolo contenente i prolungamenti.

Continua la lettura

3 Posso però verificarsi alcune particolari tipologie di angoli concavi e convessi.  Se, ad esempio, due lati dell'angolo sono sovrapposti, l'angolo convesso risulterà nullo e quello concavo avrà la sua massima apertura.  Approfondimento Come calcolare l'angolo complementare (clicca qui) Questo angolo prende il nome di angolo giro e la sua ampiezza è di 360 gradi. 
Se, invece, due lati sono l'uno il prolungamento dell'altro, l'angolo convesso e l'angolo acuto avranno la stessa ampiezza.  Ci troveremo, quindi, davanti un angolo piatto, e la sua ampiezza sarà la metà di quella dell'angolo giro, quindi 180 gradi. 
Se i due lati dell'angolo sono perpendicolari tra di loro, l'angolo concavo avrà un ampiezza uguale alla metà dell'ampiezza di un angolo piatto, tale forma prenderà il nome di angolo retto e la sua ampiezza sarà di 90 gradi.  A questo punto saremo finalmente in grado di riconoscere molto facilmente sia un angolo concavo che un angolo convesso, con tutti i suoi casi particolari.  Quindi non dovremo fare altro che provare noi stessi a rappresentare questi angoli su un foglio di carta, in modo che questi concetti possano rimanerci impressi più facilmente.

Come calcolare l'ampiezza di un angolo supplementare La geometria è una materia complessa e allo stesso tempo affascinante ... continua » La misurazione degli angoli convessi e concavi La misurazione degli angoli convessi e concavi è una valutazione quantitativa ... continua » Goniometria e trigonometria: angoli, archi e loro misura In questa guida, vogliamo parlarvi di un po' di gonometria e ... continua » Come disegnare un esagono concavo In questa breve guida si tratterà nel dettaglio di una particolare ... continua »

Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Appunti: geometria del piano

Si definisce geometria del piano quella parte della geometria che si occupa dello studio di oggetti "a due dimensioni", appartenenti quindi a un piano. Fanno ... continua »

Come Usare Il Goniometro

Utilizzare il goniometro è fondamentale per calcolare un angolo o di realizzarne uno ex novo di una data misura. Conoscere questo strumento di misurazione e ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.