Analisi logica: il predicato verbale

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Analisi logica, nemico giurato di studenti e studentesse. Tuttavia non è difficile come può sembrare alla prima occhiata, e affrontata per gradi diventa semplice e comprensibile. L’analisi logica studia i diversi elementi di una frase, distinguendoli in soggetto, predicato, complementi, attributi e apposizioni. Nella lingua italiana, le frasi possono essere semplici o complesse, a seconda di quanto sono sviluppate. Di seguito impareremo a riconoscere il predicato studiando una frase di esempio, partendo col riconoscerne il soggetto, fino ad arrivare a distinguere tra predicato verbale e nominale.

25

Per poter distinguere il predicato verbale all'interno di una frase, dobbiamo essere ovviamente in grado di distinguere tutti gli altri elementi. La prima cosa da individuare in una frase è il soggetto, cioè colui che compie l’azione al quale è riferibile il predicato. Il soggetto solitamente è un nome (Anna, il gatto) o un pronome (tu, noi) ma può anche essere un aggettivo (bello), un articolo (il, un), una preposizione (tra), un verbo (mangiare), un avverbio (meglio), una congiunzione (e, perché) o può essere sottointeso (cioè non espresso). Ad esempio, nella frase "Anna ama la musica" il soggetto è Anna.

35

Il secondo passo da compiere nell'analisi logica è riconoscere il predicato all'interno di una frase. Il predicato è, come suggerisce la parola stessa, un qualcosa che “predica”, ovvero spiega qualcosa a proposito del soggetto. Il predicato è l'azione compiuta: Noi (soggetto) mangiamo dopo. Ma il predicato è anche un'azione subita dal soggetto: Ai neonati fanno il bagnetto. Nella frase esemplificativa "Anna ama la musica" il predicato è "ama". Bisogna ricordare che vanno distinti due tipi di predicato: il predicato verbale e il predicato nominale.

Continua la lettura
45

Il predicato verbale è composto da un verbo di senso compiuto che specifica l’azione compiuta dal soggetto: I cugini arrivano domani. Esso specifica inoltre l’azione che viene subita dal soggetto: Anna è stata premiata; o uno stato del soggetto: La bimba dorme. Nella nostra frase di esempio il predicato (in questo caso verbale) è costituto dal verbo "amare". Distinguere il predicato verbale da quello nominale è molto semplice, poiché il predicato nominale è generalmente costituito da una voce del verbo "essere" seguita da un aggettivo o da un nome che fa riferimento al soggetto e ne indica la qualità (Marco è bello), uno stato (il bimbo è stanco), o l’appartenenza ad una categoria (la zia è dottoressa).

55

Bisogna anche aggiungere che il predicato nominale ha sempre bisogno di qualcosa che segua il verbo essere. Per esempio, la frase "noi siamo" non ha un predicato ben chiaro, mentre "noi siamo giovani" è una frase definita, con predicato nominale completo. A differenza di quest'ultimo, il predicato verbale non ha bisogno di nulla, poiché specifica già di per sé l'azione compiuta dal soggetto. Per esempio "domani esco con gli amici" è una frase, ma anche solo il predicato "esco" è una frase di senso compiuto giacché il soggetto è sottointeso: (Io\soggetto sottointeso) esco.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come individuare il predicato in un periodo

Studiare una lingua significa saper analizzare le frasi in senso logico e grammaticale al fine da riconoscerne tutte le sue parti. Le frasi solitamente sono costituite da un soggetto, un verbo e un complemento. Se svolgiamo l'analisi logica è di notevole...
Superiori

Come Fare La Concordanza Soggetto-predicato In Latino

In questa guida ci soffermeremo sulla descrizione del procedimento che porta alla realizzazione della concordanza soggetto predicato nel latino. Armatevi di carta e penna e leggete per apprendere quanto più possibile. È necessario possedere delle conoscenze...
Superiori

Analisi logica: struttura e complementi

L’analisi logica è il procedimento attraverso cui individuiamo le categorie sintattiche che compongono la frase. Le categorie sintattiche sono: soggetto, predicato, complementi, attributi, apposizioni. Focalizziamo ora la nostra attenzione sulla struttura...
Superiori

Come fare l'analisi logica

A scuola viene spesso richiesto lo svolgimento dell'analisi logica di una frase o periodo. Fare l'analisi di una frase dal punto di vista logico significa riconoscere le varie parti che la compongono e le relazioni che ci sono fra di esse. Per fare una...
Elementari e Medie

Analisi grammaticale: l'attributo

Quando ci accingiamo a svolgere l'analisi grammaticale di un testo, ci accorgiamo che ogni singola parola utilizzata ha una funzione che determina il suo ruolo all'interno del discorso. Articoli, preposizioni, nomi, pronomi, avverbi e tante altre parti...
Lingue

Grammatica greca: sintassi del verbo

La sintassi è quella branca della grammatica che studia i costrutti, cioè i diversi modi in cui le parole si uniscono tra di loro per formare una proposizione e i vari modi in cui le proposizioni si collegano per formare un periodo. Questo termine deriva...
Elementari e Medie

Analisi logica: come individuare il soggetto

Quando lo studente affronta l'analisi logica di una proposizione, deve prima di tutto individuare il soggetto. Esistono alcune regole fondamentali che permettono il riconoscimento di questo elemento. Ovviamente, lo studio diligente e gli esercizi costanti...
Superiori

Come Comporre Una Proposizione Infinitiva In Latino

Uno dei costrutti più importanti da studiare per imparare al meglio la sintassi latina è sicuramente la proposizione infinitiva. Nelle proposizioni infinitive il predicato è costituito dal modo infinito. Una proposizione infinitiva può essere soggettiva...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.