Albert Einstein: biografia

di Ant Adi tramite: O2O difficoltà: media

Albert Einstein nasce il 14 marzo del 1879 a Ulm, in Germania, da genitori ebrei non praticanti. Un anno dopo la sua nascita la famiglia si trasferisce a Monaco di Baviera, dove suo padre Hermann apre, col fratello Jacob, una piccola officina elettrotecnica. L'infanzia di Einstein si svolge nella Germania di Bismarck, un Paese in via di massiccia industrializzazione, ma anche retto con forme di dispotismo che si fanno sentire a vari livelli e in vari ambienti della struttura sociale. Vediamo, per meglio capire la genialità di quest'uomo, la sua biografia.

1 Il rapporto di Einstein con la scuola Il piccolo Albert è per istinto un solitario e impara a parlare molto tardi. L'incontro con la scuola è da subito difficile. Albert, infatti, trova le sue consolazioni a casa, dove la madre lo avvia allo studio del violino e lo zio Jacob a quello dell'algebra. Da bambino legge libri di divulgazione scientifica con quella che definirà "un'attenzione senza respiro". Odia i sistemi severi che rendono la scuola del suo tempo simile a una caserma.

2 La mancata ammissione al Politecnico di Zurigo Gli affari della fabbrica cominciano ad andare male e Hermann Einstein esorta il figlio a iscriversi al famoso Istituto Federale di Tecnologia, noto come Politecnico di Zurigo. Non avendo però conseguito un diploma di scuola secondaria superiore, nel 1895 deve affrontare un esame di ammissione: viene bocciato per insufficienza nelle materie letterarie.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 I tre studi sulla fisica del 1905 Nel 1905 Einstein pubblica tre importanti studi che hanno come oggetto la fisica.  Il primo studio contiene la prima esposizione completa della teoria della relatività ristretta Approfondimento Appunti sulla teoria della relatività (clicca qui) Il secondo studio, sull'interpretazione dell'effetto fotoelettrico, contiene un'ipotesi rivoluzionaria sulla natura della luce.  Einstein afferma che in determinate circostanze la radiazione elettromagnetica ha natura corpuscolare, ipotizzando che l'energia trasportata da ogni particella che costituisce il raggio luminoso, denominata fotone, sia proporzionale alla frequenza della radiazione.  Il terzo e più importante studio reca il titolo "Elettrodinamica dei corpi in movimento".  Esso contiene la prima esposizione completa della teoria della relatività ristretta, frutto di un lungo e attento studio della meccanica classica di Isaac Newton.  È proprio quest'ultimo studio che porterà Albert Einstein a conseguire il Premio Nobel per la Fisica nel 1921.

4 Le critiche al coinvolgimento della Germania nella prima guerra mondiale Intanto nel mondo i conflitti fra le nazioni avevano preso fuoco, tanto da scatenare la prima guerra mondiale. Durante questo periodo Einstein è tra i pochi accademici tedeschi a criticare pubblicamente il coinvolgimento della Germania nella guerra. Tale presa di posizione lo rende vittima di gravi attacchi da parte di gruppi di destra, tanto che le sue teorie scientifiche subiscono un'azione volta a metterle in ridicolo.

5 L'impegno politico di Einstein Einstein disprezza profondamente la violenza e, conclusi questi terribili anni di conflitti, si impegna attivamente contro la guerra e contro le persecuzioni razziali, compilando una dichiarazione pacifista contro le armi nucleari. Più volte, poi, ribadisce la necessità che gli intellettuali di ogni Paese debbano essere disposti a tutti i sacrifici necessari per preservare la libertà politica e per impiegare le conoscenze scientifiche a scopo di pace.

6 La morte e le ultime volontà di Einstein Albert Einstein si spegne all'età di settantasei anni negli Stati Uniti, a Princeton, il giorno 18 aprile 1955, circondato dai più grandi onori. Aveva espresso verbalmente il desiderio di mettere il proprio corpo a disposizione della scienza e Thomas Stoltz Harvey, il patologo che effettuò la ricerca, di propria iniziativa rimosse il cervello e lo conservò a casa propria in un barattolo sottovuoto per circa trenta anni. Il resto del corpo fu cremato e le ceneri furono disperse in un luogo segreto.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: Albert Einstein Einstein: biografia Biografia di Albert Einstein Albert Einstein: vita e scoperte di un genio Biografia di Albert Einstein Biografia di Albert Einstein

Appunti di meccanica razionale La meccanica razionale è un esame molto temuto dagli studenti universitari ... continua » Storia della fisica: crisi della fisica classica Sul finire dell'Ottocento i problemi legati all'universo sembravano del ... continua » Storia della fisica: crisi della fisica classica Sul finire dell'Ottocento i problemi legati all'universo sembravano del ... continua » Tedesco: regole di pronuncia Week-end romantico a Berlino e avete paura di non imbroccare nemmeno ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Adolf Hitler: biografia

Adolf Hitler, esponente massimo del nazismo tedesco, fu un uomo piuttosto sanguinario, uccidendo migliaia di persone per ottenere la cosiddetta "razza pura". Quest'uomo di ... continua »

Cos'è la forza di Lorentz

Si definisce forza di Lorentz quella che si sviluppa tra un corpo carico ed un campo elettromagnetico. Oggi affronteremo per grandi linee il concetto di ... continua »

Prima Guerra Mondiale Riassunto

La Prima Guerra Mondiale ha segnato il corso del secolo scorso, cambiando inesorabilmente il mondo e influenzando per diretta conseguenza anche la società attuale. È ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.