10 semplici esperimenti di fisica

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

La fisica è una scienza importante perché spiega il mondo in cui viviamo e fornisce altre basi per altre dottrine, come la chimica e la meteorologia. Essa studia i concetti fondamentali della materia e dell'energia, dello spazio e del tempo, e le interazioni tra queste proprietà. Gli studenti delle scuole superiori in cerca di semplici esperimenti di fisica potranno studiare i concetti della luce, dell'elettricità statica e della dinamica. Molti insegnanti di fisica impiegano esperimenti per mostrare agli allievi l'applicazione reale dei fenomeni, in un modo che è più facilmente comprensibile. A causa della vasta gamma di argomenti trattati nelle lezioni di fisica delle scuole superiori, un insegnante di fisica ha una vasta gamma di possibili esperimenti da effettuare in classe. Vediamo quindi insieme 10 semplici esperimenti di fisica.

28

Primo e Secondo esperimento

Per il primo esperimento, procuratevi una sfera di metallo, un anello di qualsiasi materiale vogliate, ma che sia abbastanza grande da far passare la sfera attraverso di esso, e una fonte di calore. La sfera inizialmente passerà senza alcun problema attraverso l'anello. Procedete successivamente al riscaldamento della stessa con una fonte di calore, ad esempio una fiamma. La sfera, dopo un certo intervallo di tempo, non riuscirà più a passare attraverso l'anello. Questo dimostrerà che è aumentata di volume. Per il secondo esperimento mettete una cannuccia in una ciotola piena d'acqua e tappate con un dito un'estremità della cannuccia. Se sollevate quest'ultima dalla bacinella, sempre tenendone l'estremità tappata, vedrete che l'acqua non cadrà ma resterà al suo interno.

38

Terzo e Quarto esperimento

Per il terzo esperimento prendete un palloncino senza gonfiarlo completamente e chiudetelo con un nodo. Mettetelo vicino ad una fonte di calore, ad esempio ad un termosifone acceso. Noterete che dopo un po', il palloncino si presenterà più gonfio di come lo avrete lasciato. È il cosiddetto fenomeno della dilatazione termica, per cui un corpo, se sottoposto a fonti di calore, si dilata. Per il quarto esperimento mettete all'interno di un recipiente pieno d'acqua degli oggetti di forma e volume diversi, e oggetti di forma e volume uguali ma di materiale o contenuto differente. Noterete che non vale la regola che il più pesante o il più grande affonda e quello più piccolo galleggia. Il galleggiamento dipende, infatti, dalla densità del materiale preso in considerazione rispetto all'acqua.

Continua la lettura
48

Quinto e Sesto esperimento

Per il quinto esperimento vi servirà una candela piccola galleggiante, un piatto fondo, un bicchiere e dell'acqua. Mettete dell'acqua nel piatto e su di essa la candela accesa. Posizionate su quest'ultima un bicchiere capovolto trasparente, così da coprire la candela. Noterete che la fiamma si affievolirà pian piano fino a spegnersi del tutto; di contro, l'acqua dal piatto salirà nel bicchiere. Questo esperimento vuole dimostrare che la fiamma per alimentarsi necessita di ossigeno, che all'interno del bicchiere si era consumato. Lo spegnimento della fiamma comporterà un raffreddamento della temperatura, la diminuzione della pressione e quindi la risalita dell'acqua. Per il sesto esperimento mettete in un recipiente un uovo che dovrà essere completamente coperto dall'aceto, preferibilmente bianco. Lasciate il tutto per circa due giorni. Dopo questo intervallo di tempo, il guscio dell'uovo si sarà disintegrato e apparirà trasparente.

58

Settimo e Ottavo esperimento

Per il settimo esperimento, analizziamo il galleggiamento dell'olio nell'acqua. L'intuizione potrebbe indurre in errore, in quanto è facile pensare che l'olio sia più pesante dell'acqua; in realtà, l'acqua ha una densità maggiore dell'olio e pertanto, l'olio galleggerà su di essa. Per l'ottavo esperimento, prima di tutto, frantumate un foglio di carta in tanti pezzetti piccolissimi. Prendete una normale penna biro, strofinatela contro un panno di lana per un tempo sufficiente. Trascorso il tempo necessario, la penna che è ora elettrizzata, messa a contatto con i pezzetti di carta, sarà in grado di attirarli a sé. Questo avviene perché si è verificato un passaggio di elettroni che ha caricato negativamente la penna.

68

Nono e Decimo esperimento

Per il nono esperimento prendete due fogli uguali. Uno di questi appallottolatelo e l'altro lasciatelo aperto. Poneteli alla stessa altezza e fateli cadere nello stesso momento. Il foglio aperto arriva a terra per ultimo. Questo perché, l'aria crea attrito, cioè ostacola la caduta libera. Per il decimo esperimento ciò che vi occorre è un bicchiere, dell'acqua e un cartoncino. Riempite un bicchiere con acqua e copritene l'apertura con un cartoncino. Capovolgete il bicchiere, tenendo con la mano il cartoncino. Dopo qualche secondo, togliete la mano e noterete che il cartoncino non si stacca. Questo perché la pressione atmosferica va dal basso verso l'alto.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Gli studenti delle scuole superiori in cerca di semplici esperimenti di fisica potranno studiare i concetti della luce, dell'elettricità statica e della dinamica.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come dimostrare che l'aria ha un peso con un esperimento

L'aria è una miscela di sostanze aeriformi che costituisce l'atmosfera terrestre. È un componente essenziale per la vita della maggior parte degli organismi animali e vegetali e in particolare per la vita umana, per cui la sua salvaguardia è fondamentale...
Università e Master

Come realizzare una cromatografia su carta

La chimica è una materia piuttosto interessante quanto complessa, che richiede molto tempo e molta pazienza per essere appresa al meglio. Affinché ciò avvenga è necessario avere delle buone basi di partenza, in modo da poter comprendere al meglio...
Elementari e Medie

Esperimenti di Geofisica da fare in classe

Nella guida che segue vi sarà spiegato come svolgere alcuni semplici Esperimenti di Geofisica in classe. Per poter comprendere al meglio tale materia, soprattutto nelle scuole, è molto importante associare alla teoria letta sui libri anche degli utili,...
Elementari e Medie

3 esperimenti sull'aria

Gli esperimenti, piccoli o grandi che siano, servono a far capire il funzionamento di molti grandi apparecchi. Infatti, gli stessi principi che mantengono gli aerei nel cielo e che hanno portato al progresso della civiltà umana, si possono applicare...
Superiori

Come realizzare l'esperimento di Venturi

La guida che segue ha come scopo cercare di dare una mano a capire come e cosa fare per poter realizzare, magari anche comodamente a casa propria, l'esperimento di Venturi. Nello specifico, possiamo dire che in questa breve guida imparerete per bene a...
Elementari e Medie

Esperimenti con l'acqua: l'evaporazione

L'evaporazione è un fenomeno fisico attraverso cui l'acqua passa dallo stato liquido allo stato aeriforme. Il processo avviene sopra la temperatura di ebollizione che coinvolge l'intero volume del liquido. In natura sono moltissimi gli esempi da poter...
Elementari e Medie

Esperimenti: come fare le nuvole

Quando agli studenti delle scuole elementari vengono lasciati dei compiti e degli esperimenti per casa è importante che questi li facciano da soli, ma sotto l'osservazione di un genitore che possa indirizzarlo nella giusta via quando il bambino non comprende...
Superiori

Fisica: l'esperimento di Torricelli

Evangelista Torricelli fu un matematico e fisico italiano, nacque a Roma il 15 Ottobre 1608, e morì a Firenze il 25 Ottobre 1647. Studiò matematica a Roma nel Collegio della Sapienza. Uno dei suoi precettori fu padre Benedetto Castelli a sua volta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.