10 cose da non fare a scuola

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Il periodo scolastico rappresenta per ciascun individuo un momento fondamentale per lo sviluppo e per lo strutturarsi della personalità.
La scuola rappresenta, infatti, il contesto all’interno del quale ciascuno sperimenta se stesso al di fuori dell’ambiente “protetto” della famiglia, in cui iniziamo ad apprendere i diversi modi di agire all’interno di una (piccola) società, in cui concetti quali “regola” e “norma” acquisiscono un significato più ampio e complesso.
Sebbene sia fondamentale vivere la scuola in modo sereno e spontaneo, quasi come se la classe fosse una famiglia un po’ “più estesa”, è anche vero che comportamenti e atteggiamenti che sono accettabili a casa propria, potrebbero non esserlo a scuola.
Con questa guida affronteremo proprio questo tema e ci soffermeremo in particolare sulle 10 cose da non fare a scuola.

24

Regole di comunicazione

Prima di tutto, fondamentale regola per comunicare all’interno di un gruppo, quando vogliamo dire la nostra opinione, alziamo la mano. Rispettiamo gli altri che stanno parlando prima di noi e non sovrapponiamoci a chi sta parlando.
La seconda regola è portare avanti le proprie opinioni senza credere che siano le uniche accettabili, non rispettare chi ha un punto di vista differente non è segno di forza, piuttosto è il contrario.
Se in un determinato momento siamo stanchi e non riusciamo a seguire la lezione, è preferibile chiedere il permesso di uscire piuttosto che cercare di chiacchierare con il compagno di banco disturbando la lezione.

34

Utilizzo dispositivi tecnologici

Anche se il cellulare è una moda e lo utilizziamo oggi per i più disparati motivi, non è corretto utilizzarlo tra i banchi di scuola. Abbiamo tutto il tempo per farlo a casa. Impariamo a riconoscere le priorità. Nella vita ci vuole il giusto equilibrio tra il dovere e il piacere. Come quinta regola non utilizziamo lo smartphone per fare delle foto, ridicolizzare o addirittura minacciare qualcuno. Piuttosto se notiamo qualcosa di poco chiaro, sarebbe il caso di riferirla ad un adulto che ci ispira fiducia.

Continua la lettura
44

Regole di convivenza in gruppo

Come sesta regola, cerchiamo di avere rispetto per tutti e di provare, in particolare, ad avere rispetto per gli amici che hanno dei problemi, di qualsiasi natura essi siano.
Utilizziamo un abbigliamento consono all’ambiente in cui ci troviamo, evitando abiti eccessivamente vistosi, scollati e fuori luogo (regola ovviamente valida sia per i ragazzi che per le ragazze).
Rispettiamo gli orari, le regole interne alla scuola (tempi per la ricreazione, numero di uscite dalla classe…) e, per finire, non imbrattiamo muri, pareti e banchi della scuola, qualcuno dopo di noi sarà contento di ritrovarsi in una scuola pulita e accogliente!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Le migliori scuse per giustificare un ritardo a scuola

Se arrivate spesso in ritardo a scuola e non avete più scuse da inventare con i professori e con i compagni, eccovi una breve ed efficace guida che vi illustrerà quali sono le migliori scuse per giustificare il vostro ritardo a scuola. Spesso, molte...
Elementari e Medie

10 suggerimenti per diventare il primo della classe

Il tuo rendimento scolastico è sotto la media e vorresti diventare uno studente modello per ottenere i massimi voti sia in condotta che nelle materie? Hai problemi con qualche disciplina in particolare e vorresti stupire il prof con delle interrogazioni...
Superiori

Come sopravvivere a scuola

La scuola è un'istituzione che si occupa dell'insegnamento collettivo di uno Stato. Qualche volta la vita scolastica, soprattutto nell'adolescenza, può avere dei risvolti che possono creare traumi ad alcuni soggetti. È tuttavia indispensabile affrontare...
Superiori

10 regole per tornare a scuola con il sorriso

Con la fine dell'estate e delle divertenti vacanze al mare, per un giovane studente è sempre molto difficile rinunciare al relax, ai giochi ed alle compagnie estive per tornare tra i banchi di scuola. Riprendere la solita routine di studio ed impegno...
Superiori

Come farsi rispettare dagli alunni

La scuola ha fatto segnare qualche punto a suo sfavore in merito all'educazione dei ragazzi rispetto a qualche anno fa, quando ancora sia gli insegnanti che il personale non docente rivestivano un ruolo molto importante nella vita dei ragazzi. Il vecchio...
Superiori

Prendere appunti: consigli per farlo al meglio

Prendere appunti è necessario in moltissime situazioni della vita quotidiana. Molti iniziano a prendere appunti fra i banchi di scuola, ma sicuramente non si finisce di prenderli lì. Anche nella vita lavorativa si può avere infatti l'esigenza di prendere...
Elementari e Medie

5 comportamenti che disturbano un insegnante

Un buono studente dovrebbe essere in primo luogo rispettoso dei compagnie degli insegnanti, ma non in tutte le classi questo succede. Infatti spesso i ragazzi tendono ad avere dei comportamenti esagerati e irrispettosi che possono, nel tempo, andare anche...
Superiori

5 idee per mantenere viva l'attenzione in classe

Il mestiere dell'insegnante non è mai stato facile: seguire il programma, organizzare le lezioni, capire le difficoltà individuali degli alunni e dare loro il giusto sostegno. Talvolta in questo mestiere è possibile anche dover affrontare i cali di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.